Prodotti

Oleoylethanolamide (OEA)

L'oleoyletanolamina (OEA) è un lipide etanolamide naturale e un agonista del recettore-α (PPAR-α) attivato dal proliferatore del perossisoma del recettore nucleare. Viene prodotto nell'intestino tenue e inibisce l'assunzione di cibo tramite l'attivazione di PPAR-α. L'OEA attiva anche GPR119, un lipide bioattivo con effetti ipofagici e anti-obesità.

Produzione:  Produzione in lotti
Contenuto: 1 kg / borsa, 25 kg / tamburo
Wisepowder ha la capacità di produrre e fornire grandi quantità. Tutta la produzione in condizioni cGMP e un rigoroso sistema di controllo della qualità, tutti i documenti di test e i campioni disponibili.

Oleoiletanolamide (111-58-0) video

 

 

Oleoylethanolamide (111-58-0) Informazioni di base

Nome oleoylethanolamide
CAS 111-58-0
Purezza 85%, 98%
Nome chimico N-oleoylethanolamide
Sinonimi N-Oleoylethanolamine, N- (Hydroxyethyl) oleamide, N- (cis-9-Octadecenoyl) ethanolamine, OEA
Formula molecolare C
Peso molecolare 325.53
punto di fusione 59 – 60 ° C (138 – 140 ° F; 332 – 333 K)
Chiave InChI BOWVQLFMWHZBEF-KTKRTIGZSA-N
Modulo solido
Forma Solido bianco
Half Life /
solubilità H2O: <0.1 mg / mL (insolubile); DMSO: 20.83 mg / mL (63.99 mM; Sono necessari ultrasuoni
Condizioni di conservazione -20 ° C
Applicazioni La N-oleoyletanolamina è stata usata per studiare i suoi effetti sulla segnalazione anorettica mediata dal peptide glucagone-simile (GLP) -1RA e sulla perdita di peso.
Documento di prova Disponibile

 

Oleoyletanolamide (111-58-0) Descrizione generale

OAS è un metabolita altamente concentrato dell'olio d'oliva. RiduZone è stato progettato per sfruttare i benefici del cibo mediterraneo e per aiutare a sostenere la perdita di peso.

RiduZone (OEA Capsule) è accettato dalla FDA come nuovo integratore alimentare.

L'OEA è un regolatore naturale di appetito, peso e colesterolo.

L'oleoyletanolamide (OEA) è un metabolita naturale che viene prodotto in piccole quantità nell'intestino tenue. L'OEA aiuta a regolare la fame, il peso, il grasso corporeo e il colesterolo legandosi a un recettore noto come PPAR-Alpha (recettore alfa attivato dal proliferatore del perossisoma). In sostanza, l'OEA aumenta il metabolismo del grasso corporeo e dice al tuo cervello che sei pieno ed è tempo di smettere di mangiare. L'OEA è anche noto per aumentare il dispendio calorico non legato all'esercizio fisico.

 

Oleoiletanolamide (111-58-0) La nostra storia

Le funzioni biologiche dell'oleoyletanolamide sono state scoperte già 50 anni fa. Prima del 2001, non c'erano molte ricerche sull'OEA. Tuttavia, quell'anno, i ricercatori spagnoli hanno scomposto il lipide e studiato come è fatto, dove viene utilizzato e cosa fa. Hanno testato l'effetto dell'OEA sul cervello (dei ratti) iniettandolo direttamente nei ventricoli cerebrali. Non hanno trovato alcun effetto sul mangiare e hanno confermato che l'OEA non agisce nel cervello, ma piuttosto, innesca un segnale separato che influenza la fame e il comportamento alimentare.

 

Oleoylethanolamide (111-58-0) Meccanismo d'azione

Per dirla semplicemente, l'oleoyletanolamide funziona come regolatore della fame. OEA è in grado di controllare l'assunzione di cibo dicendo al cervello che il corpo è pieno e non è necessario più cibo. Mangi meno ogni giorno e il tuo corpo potrebbe non essere sovrappeso a lungo termine.

Le azioni anti-obesità dell'oleoyletanolamide (OEA) sono mostrate in figura. L'OEA è sintetizzato e mobilizzato nell'intestino tenue prossimale dall'acido oleico derivato dalla dieta, come gli oli di oliva. Una dieta ricca di grassi può inibire la produzione di OEA nell'intestino. L'OEA riduce l'assunzione di cibo attivando l'ossitocina omeostatica e i circuiti cerebrali dell'istamina, nonché i percorsi della dopamina edonica. Esistono prove che l'OEA può anche attenuare la segnalazione del recettore 1 dei cannabinoidi edonici (CB1R), la cui attivazione è associata ad un aumento dell'assunzione di cibo. L'OEA riduce il trasporto lipidico negli adipociti per ridurre la massa grassa. Ulteriori chiarimenti sugli effetti dell'OEA sull'assunzione di cibo e sul metabolismo lipidico aiuteranno nella determinazione di meccanismi fisiologici che possono essere mirati a sviluppare terapie dell'obesità più efficaci.

OEA lavora per attivare qualcosa chiamato PPAR e contemporaneamente aumenta la combustione dei grassi e riduce l'accumulo di grassi. Quando mangi, i livelli di OEA aumentano e l'appetito diminuisce quando i nervi sensoriali che si collegano al tuo cervello dicono che sei pieno. PPAR-α è un gruppo di recettori nucleari attivati ​​da ligandi che sono coinvolti nell'espressione genica del metabolismo lipidico e delle vie dell'omeostasi energetica.

L'OEA mostra tutte le caratteristiche distintive di un fattore di sazietà:

(1) Inibisce l'alimentazione prolungando l'intervallo al pasto successivo;

(2) La sua sintesi è regolata dalla disponibilità di nutrienti e

(3) I suoi livelli subiscono fluttuazioni circadiane.

 

Oleoylethanolamide (111-58-0) Applicazione

N-Oleoylethanolamide è un agonista del recettore-α (PPAR-α) attivato dal proliferatore di perossisoma. La N-oleoyletanolamide genera un segnale intestinale che stimola l'attività della dopamina centrale stabilendo un legame tra i controller calorico-omeostatico ed edonico-omeostatico. L'oleoyletanolamide è stata implicata come meccanismo molecolare associato al successo del bypass gastrico. N-Oleoylethanolamide è un agonista selettivo del GPR55.

 

Oleoyletanolamide (111-58-0) Altre ricerche

In uno studio, a cinquanta (n = 50) soggetti umani interessati a perdere peso è stato consigliato di assumere l'OEA 2-3 volte al giorno, 15-30 minuti prima di un pasto per 4-12 settimane. Tra i soggetti c'erano quelli che non avevano mai usato prodotti per la perdita di peso prima, quelli che avevano sperimentato eventi avversi con altri prodotti per la perdita di peso, quelli la cui perdita di peso si basava su altri agenti dimagranti come la fentermina, quelli che cercavano di attuare cambiamenti nello stile di vita (controllo delle porzioni ed esercizio fisico regolare) ) e coloro che sono attivamente gestiti per patologie quali compromissione della tolleranza al glucosio, dislipidemia, ipertensione e malattie cardiovascolari.

In un secondo studio, 4 soggetti con pesi basali rispettivamente di 229, 242, 375 e 193 libbre, sono stati istruiti a prendere le capsule di Oleoyletanolamide (una capsula contenente 200 mg di OEA al 90%). I soggetti hanno assunto 4 capsule (1 capsula 15-30 minuti prima dei pasti e dovevano assumere una capsula extra prima del pasto più grande della giornata) ogni giorno per 28 giorni. L'ultimo soggetto era stato precedentemente sottoposto a posizionamento sulla fascia di giro. Ai soggetti è stato chiesto di non modificare la propria dieta e le proprie abitudini di esercizio.

 

Oleoyletanolamide (111-58-0) Riferimento

  • Sasso, O., et. al .: Pain, 154, 350 (2013); Begg, DP, Woods, SC: Cell Met., 18, 459 (2013); Chem. e l'Ing. Notizie p.7, 8 gennaio (2017)
  • Gaetani S, Oveisi F, Piomelli D (2003). "Modulazione del modello pasto nel ratto dal mediatore lipidico anoressico oleoylethanolamine". Neuropsicofarmacologia. 28 (7): 1311– doi: 10.1038 / sj.npp.1300166. PMID 12700681.
  • Lo Verme J, Gaetani S, Fu J, Oveisi F, Burton K, Piomelli D (2005). “Regolazione dell'assunzione di cibo da parte di oleoylethanolamine”. Cellula. Mol. Life Sci. 62 (6): 708– doi: 10.1007 / s00018-004-4494-0. PMID 15770421.
  • Oleoylethanolamide (OEA): un farmaco dimagrante che aiuta a controllare l'appetito

 

Articoli di tendenza